Italian:I Filtri per Circuiti Respiratori e protezione nei confronti dell’Influenza

7 Maggio 2009

Caro cliente,

pressoché tutti i giorni l'influenza è nei titoli dei notiziari.L'avvenimento potenziale di una pandemia influenzale, dopo l’avvenuta mutazione del virus di H1N1, provoca preoccupazioni sia in ambito pubblico sia in quello dei professionisti ospedalieri. In questa situazione, la società Pall si é domandata se  “ I Filtri Pall per Circuiti Respiratori proteggono contro l'espansione di virus da un paziente infetto attraverso il sistema di respirazione e poi tramite il ventilatore nell'aria circostante in ospedale?"

Al fine di comportarsi come una barriera alla trasmissione di batteri e di virus attraverso il sistema di respirazione, un filtro deve efficacemente bloccare qualsiasi potenziale e diverso percorso di trasmissione.

Organismi infettivi possono essere contenuti nella saliva di un paziente o nelle secrezioni bronchiali.Tossendo o durante la ventilazione delle vie aeree si possono generare piccole goccioline nebulizzate che contengono l'agente infettivo.Durante il passaggio attraverso l’aria asciutta, il rivestimento liquido della gocciolina si può disidratare esternamente e può formarsi una gocciolina con un nucleo ancora più piccolo.I nuclei di queste goccioline, possono contenere l'organismo infettivo che può rimanere aerotrasportato per periodi prolungati nel tempo.In tal modo, organismi infettivi possono essere trasmessi sia attraverso il nucleo della gocciolina attraverso l’aria o come secrezioni liquide.

La Società Pall ha condotto un esteso studio di convalida per dimostrare che i filtri per Circuiti Respiratori Pall, costituiscono un’efficace barriera nei confronti di queste vie di trasmissione.

Per dimostrarne l’efficacia, non è possibile e non é necessario condurre i test di validazione dei filtri per Circuiti Respiratori Pall con ogni tipo di agente patogeno.
 
I filtri per Circuiti Respiratori Pall sono stati esaminati con una varietà di batteri (incluso:Mycobacterium tuberculosis1, Pseudomonas aeruginosa2, Bacillus subtilis3 Staphylococcus aureus4) e virus (incluso Human Immunodeficiency Virus5 e Virus dell’Epatite C6) tutti ad elevata rilevanza clinica.Inoltre, questi filtri sono stati sottoposti a test batterici (Brevundimonas diminuta7) e virali (MS-2 bacteriophage7) con organismi che rappresentano standard di riferimento per il trattenimento basato sell’esclusione dimensionale.
Questi studi hanno dimostrato che i filtri per Circuiti Respiratori Pall offrono una barriera efficace nei confronti dei liquidi contaminati e ha un'efficienza di rimozione batterica e virale in aria, di almeno 99.999%.

Considerate le dimensioni dei virus dell’influenza (80-120 nm), la sua percentuale di sopravvivenza su superfici inerti e usando questi studi come una guida di riferimento, non ci sarebbe nessuna ragione di aspettarsi che filtri per Circuiti Respiratori Pall non fossero ugualmente effettivi nel prevenire il passaggio dei virus dell’influenza. 
 
Confidiamo che queste informazioni Vi siano utili.Per alti informazioni, potete prendere contatto la sede Pall. 

Sinceramente,

Joseph S. Cervia博士、M.D.、M.B.A.、FACP、FAAP、FIDSA
臨床学教授 (薬学および小児科)
アルベルト・アインシュタイン医学校
医長
生物医学部、シニアバイスプレジデント
Pall Medical


1 Aranha-Creado, H. et al.Infect Control Hosp Epidemiol 1997;18:252 - 254
2 Willie B. Krh.-Hyg. +Inf.verh. 1990;12:24
3 Wilkes A.R. et al.Brit J Anaesthesia 1999; 82:461 - 462
4 Rosales M & Dominguez V. 2nd International Conference on Prevention of Infection, Nice, France, 4-5th May 1992
5 Lloyd G et al.Centre for Applied Microbiology and Research, 1997.
6 Lloyd G et al.Anaesthesia and Intensive Care 1997;25:235-238.
7 Pan L. et al.Pall Corporation Technical Report BCF2, 1995